RIFLESSIONI CLAUDIO AREZZO DI TRIFILETTI

 

Barattoli con semplici ed accattivanti etichette vendono contenitori vuoti, pensieri preconfezionati si ritrovano a condividere albe e tramonti ad occhi spenti, titoli e parabordi si rifugiano in vetroresina opaca, semi ignorati cercano stelle colorate, geometria senza forma, immagini senza volto, invasione di giovani ricette per nutrimento di una società plastica. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *