Archivio tag: pietra

Custodire memoria

Non cercare di splendere come la giada, ma sii semplice come la pietra. (Lao Tzu) – Scusa, mi sono dimenticato lavare il piatto doccia. Questa mattina avevo sciacquato una pietra molto singolare che combaciava perfettamente in equilibrio con un ciottolo di fiume, sicuramente proveniente dal sentiero con i mosaici dei segni zodiacali. La mattina sono felice portare Mia alla Villa Bellini. (Il Giardino dentro il giardino) Attraversando il Parco della Gentilezza, presto attenzione alle forme che incontro nello sterrato, a volte non riesco fare a meno custodirne memoria. Da settimane sono iniziati i lavori di riqualificazione. Un folto complesso di insetti, cresciuto involontariamente tra Lantana e rovi è stato debellato per mettere in luce le radici martoriate degli anziani alberi. E’ stata una intensa meditazione poterci rimettere piede, la terra aveva proprio riscoperto l’autenticità della natura, e ora ritrovava nuovamente l’uomo e le sue macchine a lavoro. Risalendo la montagnola ho avuto la sensazione come una pietra mi chiedesse contatto, ho pensato: che considerazione potranno mai avere questi lavori di tale sensibilità, gratificazione nel preservarla. Tornato a casa faccio sempre tante cose che la sera svaniscono, una di queste è stata la giusta collocazione a queste dolci creature. Il Cortile delle Nevi da dove abbiamo contemplato il Vulcano e la sua Magnificenza è stata destinazione. / Piccoli soli d’argilla, Geometria del seme. Catania visionaria, Porta delle soluzioni. (Rosa del mio cuore)

catania visionaria porta delle soluzioni

piccoli soli d'argilla geometria del seme spirituale oro arte involontaria mezzanine living

arte involontaria claudio arezzo di trifiletti cortile delle nevi

La perdita della biodiversità entomologica ha pesanti ricadute sugli ecosistemi e gravi conseguenze economiche e sociali. (Massimo Sandal)

lineare pensiero digitale

Ridimensionarsi. Bellezza senza relatività, scorgerla dall’indifferenza, salverà. Lentezza consapevole allunga il giorno, angolazione è il sogno.

Il Giardino dentro il giardino

Non sono niente e oltre a questo non saprei dove andare. Tesori ritrovati e giochi abbandonati, la fattoria del lento silenzio, risveglio coscienza. Non smettere di sperimentare, ridare vita, decantare il tempo, forme dell’acqua. Mascherina, quando entrerà nell’onirico avremo voglia di disegnare geometrie sui pavimenti. Uomini facili hanno reso questo tempo misero e difficile. Privatizzazione dei cieli regno indiscusso di tutte le civiltà. Riflettere, meditare, pregare, forma naturale manifesta nutrimento, canto di una cicala al chiaro di luna.

13,4 - 46,10