Tag Archives: piazza giovanni verga

Ogni lacrima in terra, è un soffio in cielo. A Giovanni Rannisi (Giovannone)

Quanti amici vanno via, quanti ricordi ci lasciano la via, senza separarci mai un attimo dalla compagnia. Giovani, rampanti, pieni di vita e di aspettative, cose uniche che non a tutti è dato vivere. L’amicizia è sacramento, il sentimento più importante che caratterizza l’ideale, la fratellanza senza sudditanza, l’esultare della semplicità al confronto di un semplice ma profondo aroma. Avevamo un motto, un’amicizia una birra, brindavamo così nell’augurio dei nostri pomeriggi che giungevano quasi sempre all’alba. Che bei tramonti a sfrecciare con la vespa o il vespone, che belle sere a cenare nei ristoranti che amavano accogliere il nostro arrivare sempre in festa. Mi sei stato vicino sempre fratello mio, dicevi di lasciare perdere quando sentivi bassezza, e poi mi confidasti il tuo: Gesù Aiutami Tu. La vita, il passaggio, l’esserci stati insieme e ora l’accettazione, la trasformazione. Questa mattina quando tua sorella mi ha tel. la prima cosa è stata: Antonella non mi dare brutte notizie, poi ero da tè a baciarti con gli occhi e sentirti come sempre col cuore. Ti sei liberato, ti sono testimone di quanto tu possa aver pagato pigione. Hai fatto divertire molte persone, hai sempre messo il buon umore, siamo stati unione, energia che si espande. Ci siamo amati amando e gioendo della magia della vita, abbiamo realizzato quasi una sospensione nel tempo. La notte era presente come il giorno, l’alba come il tramonto, e noi amico mio siamo parte di un grande sogno. (13.03.24) /2028 Amos

Ma che ne sanno! Claudio Arezzo Giovannone

Ma che ne sanno! Claudio Arezzo Giovannone

I Tre Pesci e il Pulitore

Preoccupati più della tua coscienza che della tua reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro. (Charlie Chaplin) – Illogico che molte piazze siano invase da posteggi, una società nella confusione che va di fretta. Bisognerebbe tornare ad uscire a piedi, vivere in una dimensione più umana. Il saggio non veste di effimero 17/24 cm. / Il sole in una barca, la conchiglia nella mia stanza.

arte involontaria ricerca indipendente

Il saggio non veste di effimero

il sole in una barca la conchiglia nella mia stanza

ricerca sale di frontiera

La paura genera sgomento

Isola del Mare, Respiro della Terra, Il Parco Ritrovato (Piazza Giovanni Verga) – Si chiese come facesse sapere dei suoi dadi in tasca! non capendo che ci sono cose che al cuore non potevano essere nascoste. Scrisse San Marco: tutto ciò che esce dalla propria bocca, ci rientra. / Cercare sempre il meglio in ognuno è la parte più sana di un percorso. Dentro anche un saluto, risiede la considerazione dell’incontro. Intonare preghiera, nel silenzio è possibile accedervi. Le piccole cose sono testimonianza come la rugiada alle prime luci. Questa è l’aia, quando resta del cibo a casa lo veniamo ad offrire alle colombe. (Fare in Memoria) – Bambino mi piaceva organizzare eventi, ricordo come ieri la prima festa, era un open party, festeggiavo quattordici anni a Trecastagni, si fecero presenti oltre quattrocento amici della piazza con una famiglia impreparata. Ricordo i Natali dai nonni (Casa Museo Sotto l’Etna), e il mio ultimo trentesimo a casa della Zia Matilde. Acqua passata sotto i ponti, acqua bene comune. Oggi il mio compleanno è fare dono dell’esperienza. (48) Mia / Contemporaneità dell’informazione, tralascio dello strato. Ho conosciuto due sorelline, Emma e Etna, mi hanno nutrito di speranza. Il canto sui tetti è sempre più incantevole. (Il Giardino dentro il giardino) / Catania Visionaria

cortile delle nevi isola del mare arte involontaria claudio arezzo di trifiletti

isola del mare cortile delle nevi arte involontaria

palazzo di giustizia catania visionaria piazza giovanni verga respiro della terra venere

catania visionaria arte involontaria ricerca formikepazze

Teoria degli specchi

Fontana dei Malavoglia Carmelo Mendola Il Parco Ritrovato Piazza Giovanni Verga – I templi dovrebbero accogliere fragilità, specie nelle notti di tormenta. Le guardie addette alla salvaguardia della natura soccorrere dove l’occhio si è allontanato. Gli animali come le persone e non le persone come gli animali.

fontana dei malavoglia carmelo mendola piazza giovanni verga catania visionaria il parco ritrovato

rallentare la marcia 1mqdb il parco ritrovato piazza giovanni verga catania visionaria verde urbano

arte involontaria mezzanine living studio home sicily contemporary artist

catania visionaria il parco ritrovato fantasia contemporanea piazza giovanni verga radici minerali

Oasi Playa Tamburi di Pace Impronte Positive Piazza Carlo Alberto Basilica del Carmelo – La nostra giornata inizia dalla città. Colombari rimpiazzati da gattari. Se c’è una cosa da proteggere sono le monachelle. Erano convinti che fosse il telefono ad avere valore, staccarono la comunicazione ed elemosinarono miseria.

oasi playa catania visionaria arte involontaria rispetto pianeta 1mqdb

piazza carlo alberto basilica del carmelo catania visionaria cerchi d'oro impronte positive tamburi di pace

tamburi di pace impronte positive piazza carlo alberto basilica del carmelo catania visionaria arte involontaria verde urbano

contemporary fantasy

contemporary fantasy piazza giovanni verga catania

il piccolo principe fantasia contemporanea il parco ritrovato cerchi d'oro living 1mqdb

Struttura Natura Fantasia Contemporanea, Il Parco Ritrovato. Ogni cosa trovata resta legata ad un filo impercettibile di cui non si conosce storia. Quello era il suo posto. Piove

slow down

Non parliamo d’asfalto. Bello dormire con la luce del fuoco. Ho visto solo uno splendido sorriso. Fluida Armonica la Mente.

fluida armonica la mente

Così era nata la filosofia: la filosofia significava andare in piazza e insegnare alla gente come si fa il buon governo, come si conduce bene l’anima, come si rispetta la natura. La filosofia era nata per questo: insegnare agli uomini queste cose. Socrate faceva così, andava in piazza e parlava con la gente. (Umberto Galimberti)

Qualsiasi cosa diremo sarà sprovvista di contenuto visto che per dormire nei dormitori è previsto il greenpass. Potremmo non meritare salvezza. Ho più paura di un vento esposto a sud che della parola di un uomo, del boato di un vulcano molti sembrano abituati, e come per dettatura ognuno può prendere parola in mano.

Intuition and imagination

Uso e Riuso della Materia

Catania il Parco Ritrovato Piazza Giovanni Verga

Catania il Parco Ritrovato Piazza Giovanni Verga (Mia)

Uso e Riuso della Materia Percorso Inverso. Chi parte prima si fa la strada con calma. Risolto per altri Due Mesi. La Discarica di Lentini Sopporterà Oltre la Sua Capacità, il materiale trattato sarà ridistribuito tra Gela, Motta e Siculiana.   

Desidero una terra in vacanza

Pioggia di luna piena sul pavimento di un parco sottratto. Catania, Piazza Giovanni Verga.

Le sanzioni le merita la politica che ancora non ha elaborato un piano di riutilizzo delle materie. 

Pioggia di luna piena sul pavimento di un parco sottratto (Catania, Piazza Giovanni Verga) – Le sanzioni le merita la politica che ancora non ha elaborato un piano di riutilizzo delle materie.

Steam, consciousness evolution, world awakening

Amo/Re AmoTe @ Devozione Assoluta Madre Natura – Cerchi d’oro Catania, Piazza Giovanni Verga – Accademia Belle Arti, Storia del Costume.

Sogno coscienze svegliarsi, liberare le tante piazze, restituire spazio al gioco dei bambini. Uscire, incontrarsi all’ombra dei generosi alberi, terra ritorna respirare. Uomo medita, vita e rispetto, riguarda tutti gli esseri in questo mondo. Dolore, scavi incontrastati, demolizioni, pianeta saturo di macerie, rifiuti. Modelle, splendidi abiti portano l’attenzione a ciò che inevitabilmente sfugge. Linea sottile, respiro, battito condiviso, presente offuscato dal grigio. Concedersi all’Oro, vero, immateriale che risiede nell’elevato pensiero, direzione da perseguire.

Credo che non vedrò mai una poesia bella come un albero. Ma le poesie le fanno gli sciocchi come me. Un albero lo può fare solamente Dio. Joyce Kilmer

Credo che non vedrò mai una poesia bella come un albero. Ma le poesie le fanno gli sciocchi come me. Un albero lo può fare solamente Dio.
Joyce Kilmer

C'è sempre musica tra gli alberi del giardino, ma i nostri cuori devono essere molto sereni per sentirla. Minnie Aumonier

C’è sempre musica tra gli alberi del giardino, ma i nostri cuori devono essere molto sereni per sentirla.
Minnie Aumonier

Gli alberi sono santuari. Chi sa parlare con loro, chi sa ascoltarli, percepisce la verità. Essi non predicano dottrine e ricette ma predicano, noncuranti del particolare, la legge primordiale della vita. Hermann Hesse

Gli alberi sono santuari. Chi sa parlare con loro, chi sa ascoltarli, percepisce la verità. Essi non predicano dottrine e ricette ma predicano, noncuranti del particolare, la legge primordiale della vita.
Hermann Hesse

I tronchi degli alberi sono separati, ma le radici si tengono strette le une alle altre e i rami in alto si intrecciano. Sono uniti a livello profondo ed a quello più elevato. Gli uomini dovrebbero essere come un'immensa foresta. Romano Battaglia

I tronchi degli alberi sono separati, ma le radici si tengono strette le une alle altre e i rami in alto si intrecciano. Sono uniti a livello profondo ed a quello più elevato. Gli uomini dovrebbero essere come un’immensa foresta.
Romano Battaglia

Uno sciocco non vede lo stesso albero che vede un saggio. William Blake

Uno sciocco non vede lo stesso albero che vede un saggio.
William Blake

Talvolta, un albero umanizza un paesaggio meglio di quanto farebbe un uomo. Gilbert Cesbron

Talvolta, un albero umanizza un paesaggio meglio di quanto farebbe un uomo.
Gilbert Cesbron

Abiurerei tutti i miei terrori per il sorriso di un albero... Emil Cioran

Abiurerei tutti i miei terrori per il sorriso di un albero…
Emil Cioran

Non terrorizzate i vostri bambini con la vita eterna. Ditegli che da morti si diventa alberi. I grandi alberghi degli uccelli. Diego Cugia

Non terrorizzate i vostri bambini con la vita eterna. Ditegli che da morti si diventa alberi. I grandi alberghi degli uccelli.
Diego Cugia

Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine. Kahlil Gibran

Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine.
Kahlil Gibran

Network of Art Fashion and Communication at the service of Nature

Catania @ Giovedì 17 Settembre alle ore 19.00 Amo/Re AmoTe

CT 2019 – “Liliana buongiorno, avrei desiderio di fare qualche scatto fotografico, alle splendide elaborazione dei tuoi studenti di fronte i Cerchi d’Oro che ho realizzato in Piazza Giovanni Verga”. CT 2020 – “Si Claudio il tempo è maturo, porterò i miei ragazzi ad abbracciare gli alberi, che portano il segno del tuo intervento d’Arte”. Questa è la premessa di un progetto nato senza alcuna pretesa, o forse col solo divenire voce di Coscienza.

Noi siamo dei "nani" rispetto a loro e dobbiamo guardarli con rispetto. Foto e pensiero di Giuseppe Schiros

Noi siamo dei “nani” rispetto a loro e dobbiamo guardarli con rispetto. Foto e pensiero di Giuseppe Schiros 

Piazze sottratte da posteggi, dove una volta correvano bambini, nidificavano uccelli di vari canti, oggi cadono rami, alberi chiedono rispetto. Come siamo potuti arrivare a tutto questo? Forse la velocità, il tempo sottratto potrà rispondere per risanare quella parte del presente che necessita nell’immediato salvaguardia. Eroi siamo tutti. Risveglio valore dell’esserci, il presente studia, il futuro è in pericolo, modelle e stilisti creano rivoluzione. Atto Concettuale, nessun palco, niente passerelle, barriere eliminate, bellezza inonda, trasforma, noi siamo un tutt’uno con Madre Terra, siamo testimonianza. Abiti nati da visioni, sofferti figli del sogno, fanno omaggio alla vita, testimoniano atto poetico, alchemico. Fine di un’era, l’inizio del cambiamento è in atto. Giovani talenti scendono in campo, entrano dentro le aiuole per portare omaggio, a loro fermi e inermi ma con un cuore di speranza sempre attivo, chiede incessantemente rispetto. Il Pianeta Merita Rispetto. (imprints of peace)

AmoRe AmoTe Cerchi d'Oro Piazza Verga